Soluzioni basate sulla fotonica dagli ultravioletti agli infrarossi

Novità del mese - Casi di studio

Sapevate che anche in vacanza beneficiate delle sorgenti di luce speciale? - Giorno internazionale della luce

International Day of Light

Avete intenzione di andare in vacanza in aereo? Durante il viaggio e nel luogo di vacanza traete profitto dalle fonti di luce speciale.

I raggi IR e le lampade Flash aiutano a produrre componenti degli aeroplani di qualità superiore, la luce UV mantiene pulita l'acqua che bevete e le lampade di analisi aiutano ad eseguire i controlli di sicurezza e a mantenere pulita l'aria. Persino per riscaldare lo spuntino offerto in aereo e produrre le t-shirt che acquistate in vacanza vengono utilizzati irraggiatori speciali.

Il 16 maggio, Giorno internazionale della luce, informatevi meglio qui sulle diverse applicazioni della luce speciale.

Sapevate che per analizzare l'acqua vengono utilizzate le lampade UV?

World Water Day 2018

La giornata mondiale dell'acqua, che viene celebrata ogni anno il 22 marzo, ha l'obiettivo di richiamare l'attenzione sull'importanza di questo elemento. La giornata mondiale dell'acqua 2018 è all'insegna del motto "Nature for Water" e prende in considerazione possibili soluzioni "naturali" ai problemi dell'acqua che saremo costretti ad affrontare nel XXI secolo.

Ecosistemi danneggiati influenzano la quantità e la qualità dell'acqua consumabile. Oggi 2,1 miliardi di persone vivono senza acqua potabile in casa, una circostanza che si ripercuote sulla salute, sull'istruzione e sull'esistenza delle persone. Con il "Sustainable Development Goal 6" il mondo s'impegna a garantire a tutti l'accesso all'acqua pulita entro il 2030 e prevede obiettivi volti a proteggere l'ambiente naturale e a ridurre l'inquinamento ambientale. ( Fonte )

Disinfezione UV dell'acqua potabile

Heraeus offre soluzioni UV intelligenti per un trattamento dell'acqua ecologico, affidabile ed efficiente dal punto di vista energetico. Le lampade UV intense distruggono microorganismi come batteri, virus e parassiti e contribuiscono a decomporre gli agenti chimici pericolosi per la salute.

Approfondite qui il tema della disinfezione dell'acqua potabile con l'UV.

Soluzioni per il monitoraggio ambientale basate sulla luce speciale

Moduli FiberLight® / Sorgenti di luce per laboratori

FiberLight® può essere utilizzata per eseguire analisi altamente sensibili volte a identificare e a determinare con esattezza le sostanze pericolose per l'ambiente, come i pesticidi e altri composti organici. FiberLight® è una fonte molto compatta di luce UV e dell'intervallo spettrale visibile (da 200 a 1100 nanometri). Il cuore di FiberLight® è una lampada al deuterio priva di elettrodi che viene sollecitata attraverso l'alta frequenza. Grazie alla sua struttura questa lampada miniaturizzata consente di eseguire spettroscopie UV mobili mediante apparecchi portatili azionati a batterie.

Acquisite maggiori informazioni su FiberLight .

Per maggiori dettagli consultate la nostra referenza: Analisi biochimiche a 1.000 m di profondità: ecco come l'istituto di ricerca dell'acquario di Monterey Bay (MBARI) di Monterey, California, utilizza FiberLight®

Sapete cosa collega la luce UV con il profumo il giorno di San Valentino?

Exhaust air treatment with UV

San Valentino è la festa dell'amore. È logico che in quest'occasione tante coppie innamorate desiderino farsi un regalo. Accanto ai fiori e ai cioccolatini, anche il profumo è un regalo molto apprezzato.

Esistono fragranze con concentrazioni diverse e con le note più insolite. Se tutti questi odori diversi, altamente concentrati, si mescolano durante la produzione, il risultato è tutt'altro che gradevole.

L'aria di scarico dall'odore intenso che si forma durante la produzione viene deviata all'esterno, nell'ambiente delle fabbriche di profumo. I vicini si sentono spesso fortemente infastiditi dall'odore e si rivolgono alle autorità e agli uffici competenti lamentandosi. Di conseguenza alle fabbriche vengono imposti vincoli legati all'aria di scarico.

Questi vincoli possono essere rispettati ricorrendo alla luce UV. In combinazione con l'ossigeno naturale (O2) la luce UV genera radicali altamente reattivi e ozono che si legano alle sostanze organiche presenti nell'aria di scarico del profumo rendendo inoffensivi gli odori presenti nell'aria.

Cliccate qui per acquisire maggiori informazioni sulla depurazione dell'aria di scarico industriale mediante la luce UV.

Desiderate ricevere esempi dettagliati sull'applicazione dei raggi UV ai fini del trattamento dell'aria?
Contattateci qui , saremo felici di inviarvi altro materiale.

Sapete cosa hanno a che fare le lampade a infrarossi con il vostro riscaldamento?

Anti-icing with infrared

Per la combustione le turbine a gas hanno bisogno di aria priva di polvere e di altre particelle. Per questo l'aria viene constantemente prefiltrata.

Durante i mesi invernali è facile che l'aria di aspirazione, fredda e umida, congeli i filtri. In questo caso i filtri lasciano passare solo poca aria e la potenza della turbina a gas deve venire abbassata o spenta del tutto - proprio quando è più necessaria!

I sistemi a infrarossi di Heraeus Noblelight impediscono che i filtri delle centrali a gas e delle unità di concentrazione del gas si congelino nella stagione fredda.

Cliccate qui per acquisirse maggiori informazioni sui processi di riscaldamento a infrarossi.

Desiderate avere a disposizione esempi dettagliati sull'applicazione dei raggi infrarossi ai fini di decongelamento?
Contattateci qui , saremo felici di inviarvi altro materiale.

Sapevate che il calore infrarosso aiuta a produrre i Babbi Natale di cioccolato?

Infrared heat for food processing

Natale è alle porte e ogni supermercato offre esclusivi prodotti di cioccolato: Babbi Natale, cioccolato ripieno, cioccolatini.

Per formare e farcire il cioccolato è necessario il calore. Il calore è indispensabile in diverse fasi del processo di produzione: per fondere il cioccolato in stampi preriscaldati, per riscaldare le metà di cioccolato prima della farcitura – e per richiuderle.

La temperatura esatta è determinante per la qualità dei prodotti di cioccolato: a seconda del tipo di cioccolato la temperatura esatta corrisponde a 30°C circa. Può aumentare o diminuire di solo 1°C, in caso contrario il cioccolato perde consistenza, diventa friabile o assume un aspetto superficiale biancastro poco allettante.

Diversi rinomati produttori di cioccolato si servono degli irraggiatori di IR al carbone (CIR®) di Heraeus Noblelight per mantenere la temperatura ottimale ±1°C. Alla pressione di un pulsante gli irraggiatori di IR al carbone portano velocemente il cioccolato alla temperatura esatta. I dispositivi reagiscono in pochi secondi e quindi possono essere controllati e regolati perfettamente.

Per maggiori informazioni sull'uso del calore infrarosso nell'industria alimentare cliccare qui !

Sapete cosa ha a che fare un villaggio di Natale con la radiazione UV?

UV radiation combats mold spores and unpleasant odors

In Scandinavia ogni anno nel periodo dell'Avvento un parco divertimenti natalizio apre le sue porte a tanti visitatori. Tra le attrazioni c'è anche una grotta di ghiaccio nella quale è possibile ammirare diversi animali intagliati nel ghiaccio. Il resto dell'anno gli ambienti restano chiusi. Molto spesso nei locali umidi-bagnati si formano spore di muffa e odori sgradevoli. In questo caso possono essere utili gli irraggiatori UV speciali di Heraeus Noblelight.

Il metodo fisico della radiazione UV rappresenta un'alternativa economica ed eco-compatibile al procedimento chimico. Con le speciali lampade UV di Heraeus dall'ossigeno presente nell'aria ambiente viene creato ozono. A questo fine viene utilizzata la radiazione emessa alla lunghezza d'onda 185 nm. La radiazione nella lunghezza d'onda più lunga 254 nm fotolizza l'ozono in ossigeno eccitato che ossida le molecole a catena lunga. In questo modo è possibile uccidere i funghi della muffa e neutralizzare gli sgradevoli odori da essa causati.

Spettro: la radiazione ultravioletta copre l'intervallo di lunghezze d'onda compreso tra 100 e 380 nm. La disinfezione con le lampade a bassa pressione sfrutta la lunghezza d'onda nell'intervallo UVC di 254 nm, la produzione di ozono la lunghezza d'onda 185 nm.

Cliccate qui per ottenere maggiori informazioni sull'ossidazione UV!

Sapete quanti componenti della vostra auto vengono lavorati con il calore infrarosso?v

Infrared heat for the automotive industry

Gli automobilisti hanno bisogno di un abitacolo silenzioso, un riscaldamento o un condizionatore correttamente funzionante e, in caso di necessità, di un airbag che si apra tempestivamente. I quadri degli strumenti vengono ricavati da lastre di plastica, vengono dotati di isolamenti acustici e collegati con tubi di ventilazione e canali di apertura per airbag.

Gli irraggiatori IR offrono la soluzione ideale per tutti i processi termici necessari, perché possono venire adattati esattamente ai diversi materiali e alle diverse forme.

Come oramai noto, gli irraggiatori di infrarossi asciugano la vernice. Anche in questo caso scegliere l'irraggiatore giusto è fondamentale. Se l'irraggiatore di infrarossi è perfettamente adeguato alla vernice, il processo di asciugatura si svolge in modo molto più efficiente a livello energetico consentendo di risparmiare tempo, spazio e costi.

Anche molti altri processi necessari per la produzione di un'automobile traggono profitto dalla tecnologia di riscaldamento a infrarossi. La radiazione infrarossa trasmette energia senza contatto e genera calore esattamente dove è necessario - in base al ciclo del processo e senza riscaldare inutilmente l'ambiente.

Date un'occhiata alla gamma di processi di riscaldamento a infrarossi!
Vi interessano i dettagli? Cliccate sulla rispettiva immagine!

Desiderate informarvi meglio sulle altre applicazioni? Inviateci una e-mail !

Sapete cosa collega la vostra bottiglia di vino con la luce UV?

UV light for treatment of wine bottles

È tempo di vendemmia! L'uva matura viene raccolta e trasformata in vino raffinato. Per poter imbottigliare il vino, le bottiglie devono essere perfettamente pulite e prive di germi. Per trattare e sterilizzare bottiglie e calici è possibile ricorrere alla luce UV speciale.

La radiazione UVC, efficace a lunghezze d'onda comprese tra 200 nm e 300 nm, ha un forte effetto battericida. Assorbita dal DNA di microorganismi come virus, batteri, lieviti o funghi, ne distrugge la struttura e neutralizza le cellule viventi. La luce UV rende innocui i batteri entro pochi secondi. Se l'irradiazione è sufficientemente forte la disinfezione UV rappresenta un metodo affidabile nonché ecocompatibile, perché non richiede l'aggiunta di agenti chimici. Inoltre i microorganismi non sono in grado di sviluppare alcuna resistenza alla radiazione UV.

Dopo che il vino è stato imbottigliato, sulle bottiglie vengono applicate etichette personalizzate che le rendono uniche e accattivanti.

La stampa di etichette e la loro personalizzazione rappresenta un settore con grande potenziale per le applicazioni della stampa digitale.

L'inchiostro per la stampa deve essere completamente asciutto o indurito prima che i prodotti possano venire etichettati, impilati, tagliati, piegati o altrimenti lavorati.

A seconda della vernice o dell'inchiostro impiegati, per garantire processi di asciugatura o indurimento affidabili vengono utilizzati irraggiatori IR, lampade UV, oppure una combinazione di entrambi. Per massimizzarne l'efficienza, le soluzioni UV e IR vengono esattamente adeguate ai requisiti individuali del rispettivo processo di stampa.

Se desiderate acquisire maggiori informazioni sulle soluzioni IR e UV speciali per la stampa , date un'occhiata al nostro sito Web.

Desiderate maggiori informazioni sulla disinfezione UVC dei materiali d'imballaggio ? Consultate le nostre pagine speciali!

Sapevate che le sorgenti di luce speciale consentono di analizzare le emissioni inquinanti indesiderate?

Monitoraggio dell'inquinamento ambientale

Nei mesi estivi l'inquinamento atmosferico aumenta vertiginosamente. Lo smog nelle città è il tipo di inquinamento ambientale più evidente e conosciuto. Ma esistono diverse forme di inquinamento — alcune visibili, altre invisibili. In generale qualsiasi sostanza, introdotta dall'uomo nell'atmosfera, che ha effetti dannosi sugli organismi viventi e sull'ambiente è considerata una forma di inquinamento atmosferico. L'inquinamento atmosferico causato dall'ozono, dal biossido di azoto, dai composti organici volatili (COV) e dal particolato danneggia l'ambiente e nuoce alla salute umana.

L'inquinamento ambientale assume proporzioni maggiori nelle pigre e nebulose giornate estive. Le giornate sono più lunghe, c'è più luce solare e in generale l'aria è stagnante a causa della maggiore stabilità atmosferica: l'aria è ferma, non si muove.

Le emissioni che causano l'inquinamento atmosferico sono prodotte da diverse fonti: centrali elettriche, automobili, aeroplani, navi, ecc. Per poter ridurre le emissioni è necessario misurarle. Heraeus Noblelight sviluppa lampade analitiche che consentono di eseguire analisi precise, riproducibili ed efficienti in termini di costi.

Le lampade di rilevamento a fotoionizzazione (PID) , ad esempio, sono gli strumenti più utilizzati per la rilevazione dei gas VOC, nella gascromatografia (GC) e per la ionizzazione dei campioni nella spettrografia di massa. Le lampade al deuterio ad alta intensità, invece, rappresentano l'opzione ideale per gli strumenti HPLC di alta qualità o gli spettrofotometri UV-Vis. Informatevi meglio sui moduli di lampade flash allo xeno per le applicazioni della strumentazione fotometrica o sul nuovo modulo NOx per il monitoraggio delle emissioni.

Sapevate che l'infrarosso e la luce UV possono contribuire al successo della Vostra grigliata?

l'infrarosso e la luce UV possono contribuire al successo della Vostra grigliata

Durante i caldi mesi estivi si vorrebbe trascorrere il tempo libero preferibilmente all'aria aperta e per concludere degnamente una giornata in piscina o staccare con una stressante giornata in ufficio è bello ritrovarsi alla sera con amici e familiari per una grigliata in giardino. Tutti i cibi grigliati, dalle salsicce o le bistecche, non risultano altrettanto gustosi se non sono accompagnati dalle salse barbecue o dal ketchup. Un'ampia offerta di salse è pertanto un ingrediente fisso di una grigliata di successo.

Il calore all'infrarosso e la luce UV contribuiscono in modo determinante al riempimento igienico e sicuro delle bottiglie della salsa barbecue.

Il calore all'infrarosso impedisce la frantumazione delle bottiglie in vetro durante il riempimento

Se durante il riempimento delle bottiglie la differenza di temperatura tra il liquido e il vetro è superiore ai 42°C c'è il rischio di uno schock termico che determina la rottura del vetro o la frantumazione. Per mantenere questa differenza di temperatura al di sotto del livello critico le bottiglie vuote vengono lavate in acqua calda e successivamente preriscaldate ed asciugate a vapore prima del loro riempimento. Questa procedura comportava finora un grosso dispendio energetico dovuto all'impiego d'acqua calda e di vapore; inoltre in caso di arresto del nastro non si riusciva a spegnere abbastanza rapidamente il forno a vapore. Nel frattempo per il riscaldamento delle bottiglie si è utilizzato un forno ad infrarossi, che consente un risparmio energetico molto maggiore. Un regolatore PID all'interno del forno agli infrarossi assicura che le bottiglie abbiano raggiunto la temperatura corretta per il riempimento. Gli Iirraggiatori all'infrarosso al carbone (CIR®) emettono radiazioni nella lunghezza d'onda media e sono particolarmente adatti a svolgere questo processo perché in questa gamma il vetro assorbe particolarmente bene. Inoltre reagisce così bene da poter essere regolato con precisione ed efficacia evitando un surriscaldamento delle bottiglie in caso d'arresto del nastro.

Aria pulita nella produzione del ketchup grazie ad una luce UV efficace

La ricetta delle salse per grigliate o del ketchup normalmente prevede lo zucchero, la polpa di pomodori, l'aceto, il sale da cucina e le spezie. Il sapore è gustoso - ma non solo per noi: anche le muffe e i lieviti trovano appetibile questo mix. La loro presenza diventa un problema durante il processo produttivo. Questi microorganismi si trovano naturalmente nell'aria, s'introducono nel prodotto non ancora imbottigliato e lo deteriorano.
La società Wiso Feinkost GmbH, produttrice di oltre 350 tonnellate di salse speziate all'anno per conto di 38 marchi rinomati, ha trovato una soluzione rapida e conveniente a questo problema. L'aria ambientale viene filtrata e disinfettata con luce UV in modo da realizzare un prodotto conservabile a lungo senza ulteriori conservanti.

"In ultima analisi si vorrebbe trovare una soluzione per una disinfezione affidabile e durevole dell'aria" ha dichiarato l'amministratore Lars Wiegand. Insieme agli esperti UV Heraeus e alla presenza dei requisiti di spazio si potrebbe trovare una soluzione vantaagiosa e pragmatica. Ad un filtro Hepa lavabile del tipo comunemente in commercio è stata applicata una quantità calcolata con precisione d'irraggiatori UV senza ozono. La procedura efficiente per farlo è molto semplice: i virus e le spore delle muffe sono di diversi tipi e natura. Mentre le spore delle muffe sono relativamente grandi e possono essere catturate dal filtro i virus sono così piccoli da non poterne essere trattenute. Entrano quindi all'interno del filtro dove vengono rese inattive dalla luce UV.

Scoprite di più sui processi termici per l'industria del vetro e la disinfezione UVC dell'aria e la disinfezione dell'aria sulle nostre pagine dedicate.

Sapevate che gli attrezzi per il fitness beneficiano del calore catalitico a gas all'infrarosso?

Catalitici a gas all'infrarosso

Ogni anno prima dell'estate il grado di frequentazione delle palestre aumenta, perché in piscina e al mare tutti vogliono fare bella figura.

Affinché anche gli attrezzi per l'allenamento si possano presentare al meglio, con una superficie liscia e brillante, durante la produzione per asciugare e indurire le parti rivestite con vernice in polvere vengono utilizzati i forni catalitici a gas di Heraeus Noblelight.

Gli apparecchi per il fitness dell'azienda Life Fitness (USA) vengono rivestiti con una vernice in polvere che viene indurita con il calore. Quando la linea dei prodotti è cresciuta l'azienda americana si è trovata ad affrontare un problema: la verniciatura in polvere avrebbe dovuto essere notevolmente ampliata, ma lo spazio a disposizione era limitato. Fino a quel momento per il processo di indurimento veniva utilizzato un solo forno ad aria calda.

Dato che alcune parti dovevano venire doppiamente rivestite era necessario prevedere delle pause per appendere diversamente i componenti. Quindi la velocità di produzione corrispondeva a 2,4 m al minuto, ma la produzione effettiva di parti doppiamente rivestite era solo del 50%. L'installazione di un secondo forno ad aria calda non sarebbe stata né efficiente dal punto di vista dei costi, né attuabile - per questioni di spazio.

Il problema è stato risolto con due forni catalitici a gas all'infrarosso di Heraeus Noblelight. Dopo aver eseguito delle prove nel Test center di Buford, USA, è stato sviluppato un sistema a due tratti. Oggi due nastri, uno per le parti con un solo rivestimento e uno per le parti con due rivestimenti, scorrono parallelamente uno accanto all'altro. Ogni nastro possiede un forno catalitico a gas all'infrarosso e una rispettiva cabina di verniciatura. Per l'indurimento finale i nastri scorrono nei forni ad aria calda preesistenti. Questo sistema consente di raggiungere la velocità di produzione desiderata di 2,4 m al minuto ed eventualmente persino di aumentarla a 3 m al minuto. Ma ciò che conta è che la produzione effettiva è stata raddoppiata. Oltre al risparmio di gas e di spese di corrente è stato possibile anche abbassare ulteriormente i costi complessivi mediante contributi statali per le tecnologie efficienti a basso consumo di risorse.

Informatevi meglio sui sistemi catalitici a gas all'infrarosso nella nostra pagina speciale.

Sapevate che con i sistemi flash gli imballaggi diventano intelligenti?

Intelligent packaging with flash systems

Gli imballaggi intelligenti sono molto più che un semplice contenitore. Aiutano a identificare e a organizzare la logistica dei prodotti, proteggono dai furti o dalla pirateria. L'anima delle nuove possibilità sono piccoli chip, label RFID o, in generale, l'elettronica stampata. Per rendere gli imballaggi intelligenti viene stampato un inchiostro metallico che viene reso conduttivo mediante sinterizzazione. La sinterizzazione degli inchiostri di rame economici funziona particolarmente bene con le lampade flash che sinterizzano più velocemente di quanto ossidi il rame.

Grazie ai sistemi flash di Heraeus è possibile sinterizzare l'inchiostro di rame per gli imballaggi intelligenti in millisecondi, senza danneggiare la carta.

Nel settore dell'elettronica stampata per le etichette RFID o gli imballaggi intelligenti, gli inchiostri di rame rappresentano un'alternativa conveniente agli inchiostri argento. Tuttavia la sinterizzazione degli inchiostri di rame sulla carta rappresenta una vera sfida. Una cooperazione tra tre imprese, Promethean Particles, Dycotec Materials e Heraeus Noblelight ha mostrato che sotto l'azione delle lampade flash allo xeno le nanoparticelle di rame fondono facilmente e velocemente nell'inchiostro stampato formando circuiti elettronici stabili e altamente conduttivi.

Diversamente dall'argento, all'aria il rame forma molto velocemente ossidi che intralciano o addirittura impediscono la sinterizzazione. Quindi fino a questo momento l'inchiostro di rame veniva sinterizzato spesso in un forno con gas inerte, un processo molto impegnativo e relativamente lento. I sistemi flash allo xeno, invece, trasmettono una grande quantità di energia nell'inchiostro nell'arco di millisecondi. L'inchiostro sinterizza così velocemente che il processo di ossidazione non si avvia. Inoltre grazie a questa trasmissione rapida il substrato, ovvero la pellicola o la carta, non viene quasi riscaldato e quindi si preserva.

Cooperazioni per la sinterizzazione degli inchiostri metallici

  • Promethean Particles di Nottingham, UK: produttore di nanomateriali
  • Dycotec Materials di Swindon: produttore di inchiostri e rivestimenti
  • Heraeus Noblelight di Cambridge, UK: sviluppo di un sistema di lampade flash allo xeno per la sinterizzazione degli inchiostri metallici

"Dai colloqui con i nostri clienti sappiamo che esiste una grande richiesta di inchiostri convenienti. La nostra produzione di grandi serie ci ha permesso di produrre nanoparticelle pregiate in quantità superiore a 1.000 tonnellate all'anno", sostiene Laurie Geldenhuys, CEO di Promethean Particles. Richard Dixon, amministratore di Dycotec Materials, aggiunge: "Con i nanomateriali di Promethean Particles abbiamo potuto produrre inchiostri con un tasso elevato di sostanze solide e di grande stabilità che possono venire lavorati con testine di stampa a getto d'inchiostro che funzionano a frequenze elevate e garantiscono la produzione di grandi serie. La lavorazione dei nostri inchiostri con il sistema di lampade flash di Heraeus ha consentito di raggiungere una conduttività elettrica eccellente di ~ 3 mΩ / □ / mil."

Martin Brown, direttore delle applicazioni di Heraeus Noblelight, commenta: "La sinterizzazione fotonica degli inchiostri offre un vantaggio significativo rispetto alla lavorazione tradizionale nei forni. Consente di risparmiare spazio, costi di esercizio e tempo. La tecnologia flash allo xeno di Heraeus è particolarmente adatta agli inchiostri di rame poiché le alte velocità di lavorazione consentono di ovviare ai problemi di ossidazione del rame."

Qui trovate maggiori informazioni sul tema della sinterizzazione degli inchiostri metallici.

Lo sapevate che anche le confezioni delle uova di Pasqua approfittano delle sorgenti luminose speciali?

UV specialty light sources for packaging surfaces

Grazie all'utilizzo di luce UV ricca d'energia il carico batterico presente sulle superfici del materiale usato per il confezionamento viene ridotto fino al 99,9 %. Ciò consente di migliorare notevolmente la conservabilità di generi alimentari come lo yoghurt, la ricotta o il latte. Ma anche le uova di Pasqua ne sono avvantaggiate perché non solo gli imballi come i vasetti, i coperchi, i barattoli, i sacchetti, i bicchieri o i colli di bottiglia possono essere disinfettati in modo efficace con la luce UV ma anche le pellicole sigillanti.

Sono sufficienti solo pochi secondi di luce UV fredda ma intensa per neutralizzare i germi deterioranti come i batteri, i lieviti o i funghi. Rispetto al processo chimico e termico l'irraggiamento con luce UV è una tecnica particolarmente affidabile, economica e soprattutto ecologica ed asciutta che pertanto si presta in modo particolare nella lavorazione di prodotti biologici, cioccolato o latte in polvere.

Ulteriori informazioni sull'argomento disinfezione di superfici d'imballaggi sono disponibili nelle nostre pagine speciali.

Siamo lieti d'inviarVi anche altro materiale stampa su questo argomento. Contattateci qui .

Sapevate che il calore infrarosso agevola la produzione di cioccolatini?

Il calore infrarosso agevola la produzione di cioccolatini

San Valentino: ogni anno al supermercato si incontra una moltitudine di uomini impegnati ad acquistare cioccolatini e simili leccornie di cioccolato per le loro mogli o fidanzate. Ora come in passato i cioccolatini sono, accanto ai gioielli e ai fiori, uno dei pensieri più graditi che si possono fare in quest'occasione. Solo pochi però sanno come vengono prodotte esattamente simili ghiottonerie: gli emettitori d'infrarossi al carbonio di Heraeus Noblelight svolgono un ruolo importante.

Nella produzione dei cioccolatini i processi termici sono fondamentali. La prima importante fase termica consiste nel riscaldamento degli stampi prima che vengano riempiti di cioccolato.

Per la qualità dei prodotti di cioccolato la temperatura esatta è determinante: a seconda del tipo di cioccolato corrisponde a circa 30 gradi Celsius. Può aumentare o diminuire di solo 1°C, in caso contrario la cioccolata perde consistenza, diventa friabile o assume un aspetto superficiale biancastro poco allettante.

I test eseguiti nel Centro applicazioni di Heraeus di Neston, in Gran Bretagna, hanno dimostrato che gli emettitori d'infrarossi al carbonio , in combinazione con i pirometri per il controllo senza contatto della temperatura, soddisfano le prescrizioni vigenti per la produzione di cioccolatini e consentono di rispettare la temperatura ideale di ±1 °C. I pirometri controllano gli stampini di plastica poco prima che entri in azione il sistema di riscaldamento infrarosso. La temperatura rilevata determina per quanto tempo il calore infrarosso deve agire sugli stampini. Al termine di questa fase termica un altro pirometro controlla se è stata raggiunta la temperatura corretta per il riempimento della cioccolata.

Al momento dell'unione delle due metà di cioccolato un pirometro misura la temperatura della cioccolata prima della stazione di riscaldamento e controlla l'emettitore infrarosso in modo tale che le due metà possano venire unite in modo affidabile a una temperatura di circa 30°C.

L'impiego di emettitori d'infrarossi non migliora solo notevolmente la qualità e l'aspetto del prodotto finito. Gli emettitori d'infrarossi al carbone hanno tempi di reazione così brevi che possono essere spenti praticamente subito in caso il nastro si blocchi improvvisamente. In questo modo si garantisce la minimizzazione di eventuali danni sia all'impianto, che ai prodotti.

Vorreste informarvi meglio sulle possibilità di utilizzo dei raggi IR, UV e flash per la produzione dei cioccolatini?

Ordinate qui altro materiale informativo >>

Avreste mai pensato che la luce UV viene utilizzata anche sulle navi da crociera?

UV ballast water treatment cruiseship

Per questioni di stabilità e di compensazione del peso le grandi imbarcazioni, come le navi container e le navi da crociera, hanno bisogno della cosiddetta acqua di zavorra. L'acqua di zavorra caricata nel porto attraversa il mondo all'interno della nave e viene poi svuotata in altri porti assieme agli organismi che si trovano nell'acqua, come il plancton, gli invertebrati, le larve dei pesci, ma anche agenti patogeni. Così numerosi abitanti del mare e germi patogeni attraversano il globo clandestinamente. Con la potente luce UV è possibile distruggere in modo mirato, già nelle cisterne dell'acqua di zavorra delle navi, gli organismi indesiderati minimizzandone la diffusione.

Come ha stabilito l'Organizzazione Marittima Internazionale (IMO – International Maritime Organisation) in futuro tutte le navi che attraversano i mari dovranno essere equipaggiate per legge di impianti ecologici per il trattamento dell'acqua di zavorra. Uno dei possibili metodi è il trattamento dell'acqua con la luce UV intensa, una luce speciale che disinfetta l'acqua. Con una lunghezza d'onda di 254 nanometri, nella gamma dei raggi UVC, essa distrugge il patrimonio genetico (DNA) dei batteri e degli agenti patogeni neutralizzandoli ed impedendone la proliferazione. Per questo processo Heraeus Noblelight progetta e produce irraggiatori UV speciali, moduli completi e regolatori di corrente.

Desiderate informarvi meglio sul trattamento dell'acqua con la luce UV intensa? Contattateci!

Ulteriori informazioni sull'argomento trattamento UV dell'acqua di zavorra sono disponibili nelle nostre pagine speciali.

Sapevate che la luce UV aiuta a mantenere pulita la cucina persino quando preparate l'oca arrosto?

gr

L'oca di Natale: una tradizione che nel periodo natalizio rende felici molte famiglie. Prepararla nella cucina domestica, però, è decisamente impegnativo. Per questo viene ordinata per lo più al ristorante. Un compito non facile per i gestori degli esercizi gastronomici poiché durante la cottura l'enorme volatile rilascia molto grasso. I separatori di grasso nella cappa della cucina rimuovono solo il 95% percento dei grassi presenti nell'aria di scarico. Il resto si deposita nel corpo della cappa e nel tubo dell'aria di scarico, formando una pellicola sottile. Con il trascorrere del tempo questo film produce un odore sgradevole e aumenta il rischio d'incendio. Inoltre, depositandosi, il grasso presente nell'aria rende necessarie impegnative operazioni di pulizia.

Riduzione estremamente efficiente di odori e vapori grazie alla tecnologia UV

Integrando un sistema di controllo UV di Heraeus nelle cappe aspiranti delle cucine professionali si provvede a pulire in modo ecologico l'aria di scarico mediante la luce UV.

Il trattamento con la radiazione UV, ricca di energia, a una lunghezza d'onda di 185 nm (VUV), fotolizza, distrugge e neutralizza le molecole di grasso e gli odori. La superficie delle cappe di aspirazione delle cucine si mantiene pulita agevolando notevolmente la pulizia del canale dell'aria di scarico. Se prima era necessario pulire a mano tutti i giorni il canale dell'aria di scarico, ora pulirlo manualmente diventa quasi superfluo.

Le potenti lampade VUV di Heraeus sono estremamente efficaci persino a una temperatura ambiente di massimo 80°C. Grazie alla loro lunga vita utile - fino a 10.000 ore di esercizio - le lampade riducono al minimo anche gli intervalli di manutenzione.

Cliccate qui per informarvi meglio sul trattamento dell'aria con i raggi UV.

Vi interessano altri esempi di applicazione nelle cucine?
Ordinate qui i casi di studio sulle applicazioni per il trattamento dell'aria in gastronomia

Sapevate che il calore all’infrarosso conserva più a lungo il Christstollen?

germ reduction with infrared heat

Un bel Christstollen con il té appartiene alla tradizione del periodo natalizio. Il sostanzioso dolce però non solo deve essere buono ma anche non ammuffire.

Grazie all’impiego dei sistemi agli infrarossi di Heraeus Noblelight prima del confezionamento si ottiene un forte abbattimento dello sviluppo di muffe. Nel caso del Christstollen bastano 6 secondi a 125°C per ottenere un effetto apprezzabile. I test effettuati sul pane cotto hanno dimostrato che il prodotto si mantiene da tre a quattro giorni più a lungo se è stato trattato con irraggiatori all’infrarosso ad onde medie per soli quattro secondi.

Gli irraggiatori all’infrarosso riducono la carica batterica nel pane

Una delle maggiori difficoltà delle fornerie industriali è l’infestazione da muffe da pasticceria che proliferano nel lasso di tempo tra la cottura in forno e il confezionamento. Le spore della muffa provenienti dall’aria ambiente possono depositarsi nel pane o nei prodotti da forno durante il raffreddamento e prima del confezionamento.

Sia presso il centro applicativo della società con sede a Neston che nelle proprie pasticcerie Heraeus ha eseguito dei test che hanno dimostrato con successo l’efficacia delle radiazioni all’infrarosso nel prevenire la formazione delle muffe. Si è visto che è possibile impedire l’infestazione da muffe riscaldando il pane per alcuni secondi prima del confezionamento. La breve durata dell’irrraggiamento non comporta effetti negativi sul gusto o la consistenza del pane. Ora Heraeus offre alle fornerie l’opportunità di utilizzare i propri impianti con cui sono stati condotti i test affinchè possano convincersi direttamente dell’efficacia della tecnologia.

L’impiego degli irraggiatori all’infrarosso nel settore alimentare è ormai estremamente diffuso. Gli irraggiatori all’infrarosso producono un riscaldamento mirato e controllato dei piatti pronti e dei prodotti di cioccolateria . In questi casi si utilizzano per lo più irraggiatori all’infrarosso al carbone in grado di riscaldare in particolare le superfici molto rapidamente e mantenendo con precisione la temperatura desiderata a circa 1°C.

Gli irraggiatori all’infrarosso al carbone per la riduzione della carica batterica presente negli utensili per panificazione e pasticceria

La radiazione all’infrarosso trasmette grandi quantità d’energia in breve tempo. La disinfezione mediante radiazione all’infrarosso è una disinfezione termica ottenuta mediante l’uso di calore controllato. A seconda della potenza dell’irraggiatore, dell’umidità e della velocità desiderata il prodotto viene sterilizzato in un tempo compreso tra i 10 ed i 30 secondi ad una temperatura variabile da 120 a 160 °C.

Gli irraggiatori all’infrarosso al carbone combinano l’effetto altamente efficace della radiazione ad onde medie alle potenze sufficientemente elevate sulle superfici. In tal modo in meno di un minuto vengono distrutti i batteri presenti anche sulle superfici porose. L’azione in profondità degli irraggiatori al carbone consente di raggiungere anche i batteri presenti nei vari strati più interni.

Ormai nel settore dei prodotti da forno i sistemi all’infrarosso al carbone assicurano una disinfzione semplice, rapida e sicura degli stampi da forno, dei nastri trasportatori e di altri utensili utilizzati in pasticceria e forneria. La distruzione di batteri e spore riduce al minimo la formazione di funghi e muffe. Inoltre gli irraggiatori all’infrarosso al carbone di Heraeus sono estremente semplici da utilizzare. Grazie ai tempi di reazione di soli 1-2 secondi è escluso il rischio di surriscaldamento dei prodotti da forno in caso d’inatteso arresto del sistema di trasporto. Gli irraggiatori sono infine particolarmente compatti e ciò semplifica la loro incorporazione in una macchina già presente. Il campo d’irradiazione può essere adattato senza difficoltà alla larghezza delle teglie da forno.

Cliccate qui per maggiori informazioni sulla tecnologia UV per la disinfezione delle superfici e del materiale d‘imballaggio !

Desiderate conoscere altri esempi sulle possibili applicazioni d‘uso?
Ordinate qui le case stories sulle applicazioni nell'industria alimentare!

Sapevate che il calore infrarosso è essenziale per la produzione moderna di automobili?

Infrared Heat for the automotive industry

Se si prescinde dalla vernice, che con il calore infrarosso si asciuga più velocemente, le diverse applicazioni della radiazione infrarossa nel settore della costruzione delle automobili sono tutt'altro che evidenti. Ad esempio il suo impiego nel processo di realizzazione degli airbag e in oltre 200 altre applicazioni diverse, che garantiscono maggior sicurezza e qualità alle quattro ruote.

Il calore infrarosso rende i processi di produzione più economici

Le ragioni della marcia trionfale della tecnologia infrarossa nel settore della costruzione delle automobili sono diverse: da un lato la versatilità di questa tecnologia, in grado di fornire il processo di riscaldamento adeguato per quasi tutti i materiali.

Un altro punto di forza è la sua economicità: per i fornitori di parti automobilistiche conta ogni euro; dato che la radiazione infrarossa riscalda in modo mirato, spesso avvalersene significa poter aumentare la velocità del processo e quindi, nello stesso lasso temporale, anche la produzione.

Nel settore della costruzione delle automobili il calore infrarosso viene utilizzato in numerose applicazioni diverse

Spesso durante la produzione delle maniglie, dei componenti degli alloggiamenti o delle coperture in plastica si formano spigoli taglienti . La radiazione infrarossa riscalda in pochi secondi, in modo mirato e senza contatto, la superficie di questi componenti di plastica. Così gli spigoli vengono semplicemente "fusi via".

Il calore infrarosso è fondamentale anche nella linea di lavorazione dei serbatoi di benzina. Esso garantisce l'asciugatura rapida ed efficiente della vernice applicata nella fase intermedia della produzione dei serbatoi di carburante, consentendo di ottenere una massimizzazione della portata e l'aumento dell'efficienza energetica.

Ci si avvale del calore infrarosso anche nella produzione dei finestrini delle automobili. Le guarnizioni termoplastiche dei finestrini su misura delle automobili vengono incollate con esattezza con l'ausilio di sistemi infrarossi. Dopo l'applicazione il collante viene attivato tramite irraggiatori infrarossi rapidi a onde medie.

Qui trovate altri esempi di applicazione del calore infrarosso nella produzione di automobili!

Sapevate che la sorgente di luce UV FiberLight di Heraeus aiuta a conservare l'ottimo sapore della birra?

Sapevate che la sorgente di luce UV FiberLight di Heraeus aiuta a conservare l'ottimo sapore della birra?

I microbirrifici amano distinguersi dalle macrobirrerie, proclamandosi produttori di birra di migliore qualità e dal sapore migliore. Se il gusto è soggettivo e oggetto di vivaci discussioni, la qualità della birra può essere facilmente misurata mediante spettrometri.

La legge di Lambert-Beer, qualche volta chiamata più adeguatamente legge di Beer, associa la quantità di luce assorbita da un campione con le proprietà del campione. Per eseguire un'analisi è necessario un sensore, uno spettrometro e una sorgente di luce, in questo caso una sorgente di luce UV in miniatura FiberLight di Heraeus. I test di controllo della qualità mediante spettrometro forniscono un metodo diretto ed economico per analizzare velocemente i campioni. Incorporare uno spettrometro nel processo di controllo della qualità di un birrificio consente di risparmiare tempo e denaro in diversi modi: il metodo non è distruttivo, non richiede complesse preparazioni del campione e fornisce dati in tempo reale.

La sorgente di luce FiberLight di Heraeus è un'architettura plug-&-play completa, facile da incorporare nei sistemi spettroscopici. Di conseguenza l'OEM impiega meno tempo e denaro in complicati progetti ottici e immette il prodotto più velocemente sul mercato. Grazie alle sue dimensioni compatte è ideale per le unità portatili e da tavola e offre notevole flessibilità progettuale. Inoltre il pannello di controllo integrato e l'alimentazione rendono superflui apparecchi elettronici ausiliari. In generale, FiberLight riduce i costi di sviluppo e produzione degli OEM, mentre il suo funzionamento rapido e la vita operativa lunga abbassano i costi di proprietà degli utenti finali. Infine…aiuta a conservare l'ottimo sapore della birra!

Volete leggere tutto il caso di studio sul controllo della qualità tramite spettrometro nei birrifici? Contattateci!

Sapevate che il processo di malleabilizzazione è d'ausilio alla produzione delle bottiglie di vetro e delle fiale destinate all'industria farmaceutica?

Forni IR MAX: adeguati esattamente ai requisiti specifici dei clienti per garantire il massimo vantaggio possibile

I medicinali, le pastiglie e i globuli vengono confezionati in piccole bottiglie di vetro o fiale. Questi contenitori devono essere sicuri e puliti ma, a causa della loro forma speciale, produrli è una vera sfida. I recipienti di vetro vengono formati a caldo: durante il procedimento si creano tensioni termiche e il vetro rischia di scheggiarsi. Per questo, prima di qualsiasi impiego successivo, è indispensabile eliminare le tensioni. Le tensioni nel vetro possono essere eliminate mediante la malleabilizzazione, ovvero il riscaldamento controllato a circa 600°C e il successivo raffreddamento lento. Per eseguire simili processi termici è possibile avvalersi di diverse tecnologie. Una vera novità è il forno a infrarosso MAX che offre agli utenti vantaggi significativi.

Forni IR MAX: adeguati esattamente ai requisiti specifici dei clienti per garantire il massimo vantaggio possibile

Il processo di malleabilizzazione del vetro di confezionamento con aria calda richiede tempo e spazio. Il nuovo forno IR MAX di Heraeus Noblelight è migliore del procedimento ad aria calda e dei forni batch, poiché grazie alla sua struttura particolare trasferisce l'energia necessaria in tempi brevissimi. La camera e il sistema di trasporto del nuovo forno MAX sono costituiti da puro quarzo che, da un lato, è estremamente resistente agli shock termici e, dall'altro, aiuta a minimizzare l'inquinamento dei recipienti di vetro causato dalle particelle.
Il fondo dei cannelli e delle piccole bottiglie di vetro è relativamente spesso rispetto alle pareti che, in confronto, sono piuttosto sottili; di conseguenza il fondo e le pareti si riscaldano con velocità diversa. Grazie al materiale QRC utilizzato, la radiazione infrarossa si propaga in modo diffuso. Questo garantisce un riscaldamento particolarmente omogeneo.

Malleabilizzazione in pochi minuti
Per malleabilizzarli, i recipienti di vetro vengono inseriti nel forno MAX, riscaldati a 600°C e mantenuti per un breve lasso temporale a questa temperatura. Di seguito vengono estratti dal forno e vengono raffreddati in modo controllato. Nel forno MAX, che vanta una potenza di 15kW, il vetro viene riscaldato a 50K/secondo, cosicché l'intero processo di malleabilizzazione, raffreddamento incluso, dura solo cinque minuti circa. Rispetto ai metodi di riscaldamento elettrico convenzionali, il processo di riscaldamento del vetro effettuato con il forno MAX è cinque volte più rapido e consente un risparmio di energia di oltre il 90%.

Volete consultare l'intero caso di studio sull'argomento?
Contattateci all'indirizzo: hng-presse@heraeus.com

Sapevate che nei mesi estivi possiamo fare il bagno in acque sicure grazie alla luce UV?

Sapevate che nei mesi estivi possiamo fare il bagno in acque sicure grazie alla luce UV

Dopo essere stata purificata nel depuratore, l'acqua di scarico comunale viene reintrodotta nel ciclo idrico – in fiumi, laghi e nelle acque costiere -. Se a valle viene nuovamente prelevata come acqua potabile, o se l'acqua di scarico viene fatta confluire nelle acque balneari, è necessario un trattamento particolare. Quando la carica batterica dell'acqua di scarico è elevata, le condizioni igieniche dell'acqua sono compromesse e le persone che fanno il bagno rischiano di contrarre infezioni.

Accanto ai processi tradizionali adottati per depurare l'acqua, ad esempio l'impiego di sostanze chimiche come il cloro e l'ozono, oppure di sistemi di filtraggio, la luce ultravioletta sta acquisendo sempre più importanza quale alternativa affidabile, ecologica ed economica.

La città di Monaco e lo Stato Libero di Baviera hanno avviato un progetto di miglioramento della qualità igienica dell'acqua dell'Isar, volto a garantire la sicurezza dell'acqua per i bagnanti nei mesi estivi. Una parte dell'Isar viene deviata nel rispettivo canale e viene utilizzata per produrre energia. Nel letto del fiume resta solo poca acqua, per lo più relativamente sporca. Il progetto "Isar pulito", unico in tutta Europa, prevedeva anche di equipaggiare i depuratori situati tra Bad Tölz e Freising - che introducono acqua di scarico nel fiume - con impianti di disinfezione a UV dell'acqua di scarico. L'obiettivo era ridurre nettamente la carica batterica dell'acqua di scarico introdotta e quindi migliorare la qualità igienica dell'acqua dell'Isar nella stagione balneare, assicurando il rispetto della severa direttiva dell'UE sulle acque balneari.

Heraeus Noblelight offre diverse soluzioni UV per il trattamento dell'acqua.

Per la disinfezione negli impianti di trattamento delle acque di scarico vengono utilizzate lampade UV compatte a media pressione, lampade UV a bassa pressione e potenti lampade ad amalgama.

Se desiderate informarvi meglio sulle diverse tecnologie delle lampade UV per il trattamento delle acque , cliccate sul link.

Desiderate acquisire maggiori informazioni sul progetto "Isar pulito – Scelto l'UV"? In questo caso contattateci! hng-presse@heraeus.com .

Sapevate che l'irraggiatore all'infrarosso abbellisce le vanghe?

infrared emitters embellish garden shovels

Piantare rose, vangare l'orto, scaricare sabbia - gli attrezzi da giardinaggio sono utili per svolgere molti lavori domestici e in giardino. Le palette colorate delle vanghe non sono solo decorative; la verniciatura le protegge anche dalla ruggine e dalla corrosione.

La vernice a polvere sulle palette metalliche, su parti di macchine, cerchioni o casse di motori può anche essere ottimamente polimerizzata mediante l'impiego di radiazioni all'infrarosso.

Gli attrezzi da giardino sono esposti a tutti gli agenti atmosferici – devono resistere alla sporcizia e ai temporali, inoltre le radiazioni solari sbiadiscono la vernice di alcuni utensili.

Per questo è particolarmente importante che gli attrezzi come ad esempio le vanghe vengano prodotti e verniciati secondo trattamenti di qualità superiore. La verniciatura deve assolutamente aderire in modo perfetto. Infatti da un lato la buona qualità della verniciatura della pala presenta un risultato esteticamente più gradevole rispetto al brutto effetto di sfogliatura della vernice. Dall'altro la vernice svolge anche una funzione protettiva.

Grazie all'impiego degli irraggiatori all'infrarosso di Heraeus Noblelight è possibile ottenere verniciature d'ottima qualità e particolarmente resistenti sulle superfici metalliche.

Tecnologia infrarossa per processi industriali che richiedono calore

Il calore infrarosso trasferisce energia sui materiali, senza contatto, e genera calore solo dove è necessario. I forni all'infrarosso controllati mediante sistema PLC (Controllore Logico Programmabile) vengono esattamente adeguati al processo di riscaldamento specifico. La radiazione viene emessa nell'intervallo di 3,5 - 5,5 µm, esattamente nello spettro d'assorbimento delle vernici in polvere e ad acqua.

I sistemi catalitici a gas all'infrarosso - efficienti ed affidabili

I sistemi catalitici a gas all'infrarosso si adattano molto bene a qualsiasi tipo d'uso, ad es. per la verniciatura di substrati termosensibili come l'MDF, per la verniciatura a polvere di substrati metallici e non metallici o per processi d'asciugatura con materiali plastici. La vernice sulla pala della vanga viene polimerizzata in moto ottimale mediante un sistema catalitico a gas all'infrarosso in modo da evitare assolutamente che la vanga arrugginisca permettendo un'ottima adesione del colore ed impedendo l'antiestetico effetto sfogliatura.

Mediante uno speciale catalizzatore in platino gli irraggiatori catalitici a gas trasformano il gas naturale o il gas propano in acqua e in anidride carbonica, sviluppando una radiazione infrarossa a onde da medie a lunghe. Questa reazione senza fiamma si distingue dai tradizionali sistemi a gas all'infrarosso che funzionano mediante combustione del gas.

Gli irraggiatori sono disponibili in dieci misure standard che, in base all'applicazione, possono essere combinati per realizzare unità di dimensioni maggiori. Ciascun sistema può essere suddiviso in un numero di zone a piacere per consentire un controllo preciso.

Avete bisogno di ulteriori informazioni sui sistemi catalitici a gas all'infrarosso e sulle loro applicazioni?
Contattateci all'indirizzo: hng-presse@heraeus.com

Sapevate che gli irraggiatori speciali possono ridurre al minimo l'odore prodotto dalla lavorazione dello zucchero?

Minimize odor during the sugar beet production

Lo zucchero è un nutriente importante che svolge la funzione di rifornire d'energia l'organismo umano ed un componente fondamentale della nostra alimentazione quotidiana. Le barbabietole da zucchero vengono sottoposte a diverse fasi di lavorazione - iniziando dallo sciroppo di zucchero che viene cristallizzato per ricavarne in seguito lo zucchero bianco. Mediante un ulteriore processo di lavorazione viene prodotta la cosiddetta melassa, un altro prodotto finito. Questo trattamento produce un odore sgradevole molto caratteristico, avvertibile per lungo tempo e ad una notevole distanza. Le radiazioni UV intense ad onde corte aiutano a ridurre veramente al minimo il problema dell'odore.

Per maggiori informazioni su quest'argomento leggete il nostro esempio d'applicazione "La tecnologia UV intelligente per la riduzione degli odori nella produzione della melassa". Richiedetelo per eMail !

Le lampade UV di Heraeus Noblelight sono una soluzione efficiente ed economica rispetto ad altre alternative per il trattamento dell'aria di scarico. Sul nostro sito web spieghiamo come funziona l'ossidazione UV .

Avete bisogno di ulteriori informazioni sulle soluzioni UV di Heraeus e sulle loro applicazioni?
Contattateci all'indirizzo: hng-presse@heraeus.com .

Sapevate che presso l'aeroporto di Londra per misurare la qualità dell'aria sono state utilizzate le lampade PID di Heraeus?

Sapevate che presso l'aeroporto di Londra per misurare la qualità dell'aria sono state utilizzate le lampade PID di Heraeus

L'inquinamento dell'aria causato da ozono, biossido di azoto, composti organici volatili (COV) e polveri sottili provenienti in prevalenza dalle emissioni dei veicoli, contamina l'ambiente, compromettendo la salute delle persone. L'aria inquinata può addirittura ridurre la speranza di vita. Per comprendere meglio i fattori che determinano l'inquinamento dell'aria è importante controllare in tempo reale la qualità dell'aria.

Nell'ambito di un progetto di ricerca in collaborazione con l'Università di Cambridge, UK, presso l'aeroporto londinese di Heathrow è stata installata una rete di sensori con 50 stazioni per misurare l'inquinamento dell'aria causato dal traffico stradale e aereo presso l'aeroporto.

Sui pali dei lampioni sono stati fissati piccoli strumenti a batterie contenenti una serie di sensori che consentono di misurare diversi gas, composti organici volatili e polveri sottili. Per i rivelatori a fotoionizzazione dei sensori sono state utilizzate le lampade PID speciali di Heraeus Noblelight.

Ecco come le lampade PID consentono di analizzare l'aria e proteggere dalle immissioni

La misurazione dei composti organici volatili mediante rivelatori a fotoionizzazione mobili è un metodo economico che permette di monitorare il livello di inquinamento e la qualità dell'aria nelle città. La tecnologia PID consente una rivelazione rapida, con sensibilità in ppb. Le lampade PID di Heraeus si distinguono per la loro lunga vita utile e per la purezza spettrale che permette di eseguire analisi riproducibili e convenienti dal punto di vista dei costi.

Fotoionizzazione significa assorbimento di fotoni ricchi di energia da parte di una molecola che, nel processo, viene ionizzata. La corrente generata nel rivelatore tramite la fotoionizzazione è proporzionale alla concentrazione della molecola; di conseguenza essa fornisce un metodo semplice di determinazione quantitativa di numerosi collegamenti.

Il metodo non è distruttivo e quindi può essere applicato in combinazione con altri rivelatori che vengono commutati successivamente per ampliare lo spettro delle analisi. I fotoni ionizzano solo molecole con energia di ionizzazione inferiore all'energia dei fotoni.

Heraeus produce un'ampia gamma di lampade PID nelle versioni HF e DC, in grado di soddisfare sia requisiti standard che i requisiti specifici dei clienti. Le versioni HF sono ideali per i rivelatori portatili in quanto sono più piccole e richiedono meno energia; per gli strumenti di laboratorio sono preferibili gli apparecchi DC.

Avete bisogno di ulteriori informazioni sulle lampade PID di Heraeus e sulle loro applicazioni?

Contattateci all'indirizzo: hng-presse@heraeus.com .

Avreste mai pensato che per stampare i tovaglioli vengono utilizzati degli irraggiatori speciali?

Avreste mai pensato che per stampare i tovaglioli vengono utilizzati degli irraggiatori speciali

I tovaglioli di carta sono amati per le loro proprietà assorbenti, ma anche per le loro decorazioni. Tuttavia sono proprio queste caratteristiche a rendere particolarmente complesso il processo di stampa dei tovaglioli. Il colore sulla superficie e quello coperto, negli strati più profondi del tovagliolo, devono venire asciugati in modo identico.
Solo quando il colore e l'acqua si sono asciugati completamente è possibile confezionare i tovaglioli. Per poterlo fare inline e in tempi accettabili, è indispensabile avvalersi di un processo di asciugatura particolarmente efficiente.

A seconda del colore, per indurire o asciugare il prodotto vengono utilizzati irraggiatori UV o IR.
Per asciugare il colore solubile all'acqua, ad esempio sui tovaglioli assorbenti a più strati, Heraeus offre speciali irraggiatori IR ibridi al carbone . Gli irraggiatori contribuiscono ad asciugare l'inchiostro sulla superficie e, contemporaneamente, a evaporare l'acqua in profondità.

Gli inchiostri da stampa che si induriscono con i raggi UV sono sistemi cromatici speciali che vengono asciugati, o per essere più precisi induriti, attraverso la radiazione UV. Durante il processo il materiale stampato a colori - in questo caso si prediligono le superfici lisce e non assorbenti - viene trasportato attraverso un impianto UV dotato di speciali irraggiatori UV o LED UV e la pellicola colorata viene così indurita in pochi secondi. Le superfici indurite possono vantare diverse proprietà, ad esempio resistenza chimica, adesione, resistenza ai graffi, oppure lucentezza.

Avete altre domande sulle soluzioni basate sui fotoni - dagli ultravioletti agli infrarossi?
Inviateci un'e-mail all'indirizzo hng-presse@heraeus.com .

Sapevate che la radiazione infrarossa consente la navigazione anche in inverno?

Anti-icing with infrared

Ovunque - all'esterno - ghiaccio, neve e umidità in congelamento rischiano di compromettere il funzionamento dei dispositivi tecnici. Di seguito riportiamo tre esempi di situazioni in cui i raggi infrarossi consentono di mantenere invariato il funzionamento degli impianti, nonostante le condizioni atmosferiche sfavorevoli.


Quando i filtri si congelano le turbine a gas vengono depotenziate
Per poter funzionare correttamente le turbine a gas hanno bisogno di aria per la combustione. Tuttavia l'aria deve essere priva di polvere e di altre particelle; per questo viene sempre pre-filtrata.
Durante i mesi invernali è facile che l'aria di aspirazione fredda e umida causi il congelamento dei filtri. I filtri lasciano passare solo poca aria e la turbina a gas viene depotenziata o spenta – proprio nella stagione in cui è più necessaria!
Per lo più vengono utilizzati filtri in vello che spesso sono costituiti da tante piccole unità contenute all'interno del grande alloggiamento del filtro. Le turbine a gas vengono alimentate con aria di aspirazione proveniente dall'esterno e quindi, quando la temperatura esterna è bassa e l'aria è umida e fredda, i filtri in vello congelano rapidamente. Per mantenere invariati l'effetto filtrante e la portata d'aria è necessario proteggere i filtri.
Un costruttore di impianti britannico ha testato diversi sistemi antighiaccio e, per un impianto di compressione di gas in Germania, ha optato per un sistema a infrarossi di Heraeus Noblelight. I test hanno dimostrato che un modulo a infrarossi consuma meno energia ed è più facile da installare rispetto ad altre tecnologie.
Sono stati installati tre moduli che vengono controllati mediante un termostato che accende gli irraggiatori quando la temperatura esterna scende al di sotto di un determinato valore e li spegne quando la temperatura raggiunge il valore preimpostato. I moduli a infrarossi sono compatti e molto robusti e funzionano in modo affidabile anche quando fa freddo e c'è umidità.

Se si congelano, le chiuse non sono più utilizzabili
Quando le chiuse congelano è necessario interrompere la navigazione. Presso sei dighe sul Danubio e sull'Inn gli irraggiatori di infrarossi di Heraeus Noblelight consentono di spostare gli sbarramenti anche durante gli inverni rigidi.
Gli irraggiatori di infrarossi vengono installati orizzontalmente in corrispondenza della protezione inferiore dello sbarramento. Gli irraggiatori di infrarossi in vetro di quarzo non temono gli spruzzi d'acqua, poiché il vetro di quarzo ha un coefficiente di dilatazione termica molto ridotto e quindi una resistenza agli shock termici molto elevata. I collegamenti elettrici vengono protetti dall'acqua tramite un alloggiamento brevettato (dal cliente di Heraeus Elektro Neumayer).

Il carbone congelato non può più essere spostato
Quando fuori fa freddo e c'è umidità i materiali sciolti, come ad esempio il minerale o il carbone, trasportati sulle rotaie in vagoni di metallo rischiano di congelare assieme al ghiaccio, formando cumuli di grandi dimensioni. Le porte e gli sportelli non si aprono più ed è difficile svuotare completamente i vagoni. Il calore infrarosso aiuta a riscaldare i vagoni dall'esterno in modo da disgelare i cumuli di carbone.

Avete altre domande sulle soluzioni basate sui fotoni - dagli ultravioletti agli infrarossi?
Inviateci un'e-mail all'indirizzo hng-presse@heraeus.com .

Sapevate che per eseguire i processi di elettronica stampata sono necessari irraggiatori speciali?

Printed Electronics

L'elettronica stampata e le funzionalità dei circuiti stampati stanno prendendo sempre più piede: esse vengono utilizzate sotto forma di RFID (radio frequency identification), nelle carte telefoniche o di credito (smart card), come protezione crittografica o come protezione nei documenti d'identità. Per produrre i circuiti d'elettronica stampata si applicano inchiostri organici o a base di metallo su pellicole di plastica, carta o vetro. Indurimento, asciugatura e sinterizzazione sono procedimenti necessari per ottenere la conduttività e le caratteristiche semiconduttrici o dielettriche desiderate.
Per eseguire questi processi ci si avvale di irraggiatori UV o LED, lampade flash o sistemi a infrarossi corredati dalla rispettiva unità di controllo intelligente.
In base all'applicazione vengono scelti irraggiatori con una lunghezza d'onda perfettamente idonea all'inchiostro e al substrato.

LED UV

Sistemi a infrarossi

Sistemi con lampade flash

Lo sapevate che il calore infrarosso fa scattare più velocemente gli airbag?!

Sapevate che le sorgenti di luce speciale vengono utilizzate per rilevare esplosivi e narcotici e, quindi, per salvaguardare la società e proteggere il nostro stile d vita?

Sapevate che i raggi UV rendono meno intensi gli odori nelle cucine?

Sapevate che l'infrarosso rende più confortevole il manico del vostro innaffiatoio?

Sapevate che possiamo simulare le radiazioni solari?

Sapevate che le sorgenti luminose speciali vengono utilizzate per rendere sicura la qualità degli alimenti per l'infanzia?

Sapevate che con i sistemi catalitici a gas all'infrarosso le barche brillano di più?

Did you know that specialty light sources can be used to monitor air quality in cities?

to top